Home / Benessere & Salute / Epistassi: come far fronte alla perdita di sangue dal naso

Epistassi: come far fronte alla perdita di sangue dal naso

A tutti prima o poi capita di avere a che fare con una perdita di sangue dal naso. Può far impressione ma solitamente non è niente di grave ed è curabile in maniera semplice. Segui l’articolo per sapere come far fronte agli episodi di epistassi!

Il sangue può uscire da una o entrambe le narici, essere abbondante o leggero e durare secondi o più minuti. La causa vera riguarda la rottura dei piccoli vasi all’interno del naso, dovuta a sua volta da fattori come le dita frequenti nel naso, lo sforzo nel soffiare, piccoli traumi o cambiamenti bruschi di temperatura.

A volte il sanguinamento deriva dai vasi profondi all’interno del naso e ciò figura come conseguenza di un colpo alla testa, una chirurgia nasale recente e arterie indurite (aterosclerosi). Il disturbo colpisce tutti, in particolare, però, i bambini dai 2 ai 10 anni, gli anziani, le donne incinte, chi usa aspirine o anticoagulanti e infine chi soffre di emofilia o simili.

Per fermare la perdita bisogna sedersi e stringere la parte morbida del naso (per 10-15 minuti), chinarsi in avanti e respirare con la bocca (per far scendere il sangue senza doverlo ingoiare), mettere del ghiaccio sul ponte del naso e sedere dritti.

Avverti il medico se hai l’epistassi ricorrente, se assumi Coumadin o soffri di emofilia, se avverti sintomi come affanno e anemia e se hai un bimbo con meno di 2 anni con sangue dal naso. Chiama il 118 se la perdita continua per oltre 20 minuti, è abbondante, hai difficoltà a respirare e vomiti.

Sanguinamenti frequenti possono indicare problemi di ipertensione arteriosa o un disturbo della coagulazione. Le cure adottate in ospedale o in ambulatorio sono due: la cauterizzazione (bastoncino di nitrato d’argento tenuto sul punto sanguinante dopo anestesia locale) e il tampone nasale (garze per blocco, tenute per 24 o 48 ore durante un ricovero).

Altri trattamenti professionali (consigliati da uno specialista) sono l’elettrocauterizzazione (corrente elettrica su un filo), le trasfusioni di sangue, l’acido tranexamico, il tamponamento in anestesia generale e la legatura. Per guarire del tutto occorre evitare di soffiarsi il naso per 24 ore, mettersi le dita nel naso, sforzarsi fisicamente, stare sdraiati, bere alcolici o bevande calde e rimuovere le croste.

Per prevenire il problema basta mantenere umida la mucosa del naso (specie nei mesi freddi), tenere corte le unghie dei bimbi e usare un umidificatore.

 

Check Also

forfora problema capelli

La forfora, principale nemico estetico dei nostri capelli

La forfora rappresenta un problema comune che colpisce soprattutto gli individui di sesso maschile, piuttosto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *